Questo articolo è stato letto 1190 volte

La fauna dell’Umbria è on line. Tutti i dati dell’Osservatorio Faunistico Regionale

Il portale web-gis  “Fauna dell’Umbria on-line”  (www.regione.umbria.it/turismo-attivita-sportive/la-fauna-dell-umbria) è una ‘finestra’ aperta sulla mole di dati degli archivi dell’Osservatorio faunistico regionale, in particolare sulla mappatura relativa a mammiferi, avifauna, anfibi e rettili. Le banche dati, costantemente aggiornate, possono essere consultate in maniera semplice, con diversi livelli di consultazione. I dati in possesso saranno costantemente aggiornati, raccogliendo sempre on line le segnalazioni dei biologi e naturalisti accreditati presso l’Osservatorio regionale ove sono affluiti dai primi anni Novanta, attraverso segnalazione diretta di biologi e naturalisti dipendenti della amministrazione pubblica e attraverso specifici programmi di ricerca che negli anni hanno interessato le varie classi animali e fornito per l’archivio Mammiferi più di 15.000 records, l’archivio Uccelli    più di 250.000 records, l’archivio Anfibi e Rettili più di 2.400 records. Per quanto riguarda l’avifauna, “la banca dati più ricca”, la mole di dati raccolti è incrementata annualmente di circa 20.000 records attraverso un progetto di ricerca a scala regionale che si avvale di 1681 stazioni di osservazione ascolto. Il progetto di monitoraggio avifaunistico è volto a raccogliere dati di presenza per il calcolo dei trend dell’avifauna nidificante e gli indici aggregati che vengono usati a livello di Unione europea per la valutazione dei piani di sviluppo rurale. Gli utenti abilitati (attraverso il sistema di identità digitale Fed-Umbria) possono consultare gli archivi al massimo livello di dettaglio ed effettuare operazioni avanzate di analisi. È possibile  consultare ed esportare l’elenco dei rilevamenti presenti in un’area circolare di ampiezza variabile per verificare la presenza di specie protette nell’intorno di un’area di interesse al fine, ad esempio, di valutazioni di impatto ambientale. E’ in fase di realizzazione un applicativo web gis per la caccia al cinghiale che consentirà di conoscere i settori dove è in atto una  battuta di caccia e l’inserimento dei dati relativi alla battuta, in modo da monitorare con sempre maggior precisione una specie molto critica per i danni che provoca all’agricoltura sia per quanto riguarda gli incidenti stradali. Un’estensione degli ‘open data’ da cui ci si attende anche un ritorno, con l’accrescimento dei dati disponibili e il loro continuo aggiornamento.

Comments

commenti

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *