Questo articolo è stato letto 4332 volte

Da Orvieto a Roma in treno, morta 17enne precipitata da palazzo del Nomentano

Volo nel vuoto da condominio al Nomentano nel giorno di San Valentino. Non ce l'ha fatta L. C.,  la 17enne orvietana precipitata dal settimo piano di un palazzo di Roma.

Non ce l'ha fatta L. C.,  la 17enne orvietana precipitata dal settimo piano di un palazzo di Roma. La minorenne, di origini moldave e residente nell'Orvietano, è morta nel pomeriggio di mercoledì 15 febbraio, a causa della gravissime condizioni in cui era stata portata in codice rosso al Policlinico Umberto I, dove era stata sottoposta a intervento chirurgico. La giovane, partita da Orvieto nel giorno di San Valentino, avrebbe raggiunto Roma in treno prima di volare giù dal condominio di via Agrigento, nel quartiere Nomentano. A richiedere l’intervento del 118 e ella polizia sono stati un inquilino del palazzo e il portiere, che sono corsi nella chiostrina dove è piombata l’adolescente, trovata in stato di semicoscienza. Subito sono intervenuti i sanitari che in ambulanza l’hanno trasferita  all'Umberto I.  I poliziotti intervenuti sul posto per tutti i rilievi del caso hanno rinvenuto sul pianerottolo su cui si apre la finestra dalla quale si sarebbe lanciata la ragazza, la giacca rossa e la borsa grigia della giovane. La Polizia indaga sul caso e l'ipotesi più probabile è quella del suicidio ma non si escludono a priori altre piste. Gli agenti del Commissariato Porta Pia vogliono far luce sul motivo per cui l'adolescente, che pare avesse discusso con la madre per problemi scolastici,  abbia deciso di entrare proprio in quel palazzo del Nomentano, per poi cadere tragicamente nel vuoto.

Comments

commenti

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *